Romana

La città non è stata mai spostata dal suo luogo di origine nonostante che le sue dimensioni e lo stile degli edifici siano di volta in volta mutati per molte tristi vicissitudini. La nostra città doveva essere spaziosa e piena di magnifici edifici nell’epoca del suo maggiore splendore, vale a dire fino a quando ella fu confederata prima a colonia e poi a municipio romano. (4)

A fianco dei romani gli istoniesi combatterono contro Pirro, re dell’Epiro, al comando del loro concittadino Osidio Oplaco, ucciso in battaglia dai macedoni, alleati di Pirro. Furono ancora con i romani contro Annibale, che per rappresaglia, distrusse il Campidoglio di Histonium, fatto poi ricostruire dagli stessi romani a loro spese, come dimostra una lapide ritrovata nel 1771 ed ora conservata presso il Museo Civico.

Per quanto riguarda la lingua che usavano gli Istoniesi abbiamo solo notizie generiche fino all’epoca dei Longobardi. Nelle contrade rimase in uso la lingua locale fintanto che esse non divennero colonie romane. Da quel momento fu indispensabile adottare il linguaggio latino. Alla lingua latina subentrò la longobarda.

4. Il territorio de’ frentani, secondo lo storico Plinio era di una vasta estensione, tanto che alcuni geografi asseriscono che Histonio era nella regione de’ Frentani, e da dove prendesse questa denominazione finora non ci è pervenuta notizia.

Renata D’Ardes

roman2

Sopra: pavimento terme di Histonium. Il mosaico di

roman1